Michael Jantzen, M House & M-2. Due soluzioni abitative, ecologiche e autosufficienti. Dalle infinite combinazioni.

gen 22, 2013 | Filed Under Home & Design | Comment (1)

I want to reinvent the built environment in order to extend the reach of consciousness” sono le parole che campeggiano sul sito del visionario architetto californiano Michael Jantzen. Rivoluzionare il modo di costruire edifici, grazie a soluzioni architettoniche temporanee, flessibili e rispettose dell’ambiente, è infatti l’impegno costante di Jantzen.

Ecco dunque M-House e la più piccola M-2, due abitazioni non invasive in termini di impatto ambientale, energetico ed ecologico, completamente modulari e in grado di essere posizionate ovunque. Differenti per dimensioni e forma della struttura alla base, sono invece sostanzialmente simili per intenti e realizzazione. Entrambe confortevoli, energicamente autosufficienti e tecnologiche, non hanno bisogno di fondamenta perché adattabili ad ogni terreno, e in grado di ospitare una piccola turbina eolica, pannelli fotovoltaici, un collettore solare per il riscaldamento dell’acqua e un dispositivo per la raccolta piovana. La griglia modulare su cui applicare una varietà di elementi diversi poi, dai pannelli di cemento composito e acciaio, fa sì che i due progetti sembrino quasi dei modellini giocattolo. Per un design tutto futurista, dall’incredibile – e infinito – gioco di forme.

MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_01MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_02 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_03 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_04 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_05 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_06 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_07 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_08 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_09 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_10 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_11 MensReverie-Michael_Jantzen-M_House_12

Michael Jantzen, M House & M-2. Due soluzioni abitative, ecologiche e autosufficienti. Dalle infinite combinazioni.
  • nicola

    Sembrano accampamenti lunari, ma credo che l’architetto si sia divertito molto, un pò come F.O.Gehry.