Juan Gatti. Anatomia delle emozioni
e movida culturale.

mar 19, 2012 | Filed Under Look and Feel | Comments 3

Madridrende omaggio alla creatività e all’eclettismo di Juan Gatti, dedicandogli la mostra Contraluz in corso fino al 1° Aprile, al Canal Isabel II. Si tratta della prima personale di Juan Gatti, una sorta di viaggio nella straordinaria carriera e nell’iconografia del grafic designer, art director e fotografo di origine argentine e madrileno d’adozione.

Juan Gatti arriva a Madrid nel 1979, per fuggire alla dittatura mirlitare argentina, e si ritrova al centro del grande fermento della movida madrileña e della creatività anni 80, riuscendo a conquistarsi il rispetto e l’ammirazione di artisti, scrittori e musicisti, stilisti, registi, della scena culturale spagnola, con il suo stile unico e inconfondibile.
Noto al grande pubblico, soprattutto per il sodalizio artistico nato con Pedro Almodóvar, Gatti ha disegnato e reso celebre numerosi manifesti per Alex de la Iglesias, Fernando Trueba, ma anche cover dei dischi di Miguel Bosé e Alaska e le campagne di Jesus del Pozo e Loewe.
Anatomia del corpo umano e tassonomia del mondo naturale, illustrazioni che sembrano uscite da un’enciclopedia illustrata di un mondo di sogno, fiori, uccelli, muscoli, scheletri, kitsch e pop, il mondo di Juan Gatti è un mix di emozioni e sensazioni diverse. Un piacere per gli occhi e per il cuore.
.

Juan Gatti. Anatomia delle emozioni<Br> e movida culturale.

Leave a comment or a replay but please be polite and respectful of other opinions


COMMENTS

  1. Non conoscevo per nulla il lavoro di questo bravo artista…ovviamente un pò inquietante ma in generale bel lavoro che approccia un tema molto originale, con garbo e qualità tecniche pittoriche notevoli!

  2. “Copio e incollo” Marco T.

  3. [...] Cet artiste argentin est surtout connu du public pour son travail avec Pedro Almodovar. Rien à voir avec cette série d’illustrations spéciales « sciences naturelles ». Délicates et colorées, je trouve ça très beau. via [...]

Leave a Reply